Aubameyang volerà in Cina?

Pierre-Emerick Aubameyang sceglierà la Cina?. L’attaccante attualmente in forza al Borussia Dortmund andrà alla fine in Cina? Forse non al Beijing Guoan come si pensava già da tempo, ma al Guangzhou Evergrande. La trattativa improvvisa e consistente come solo il Guangzhou Evergrande sa fare, ha trovato la disponibilità per un’apertura del fuoriclasse francese naturalizzato gabonese. Classe 1989 Pierre-Emerick Aubameyang a fine Bundesliga magari sarà pronto a scendere in campo nella Super League. L’affare infatti si potrebbe concretizzare a fine stagione al termine della stagione europea per poi dare il rush finale nel campionato cinese, pronto all’assalto ad un nuovo titolo e giocarsi le sue chance nella coppa dei campioni asiatica.

LE CIFRE DI AUBAMEYANG 

Pierre-Emerick Aubameyang se accetterà percepirà allo Guangzhou Evergrande un maxi ingaggio che attualmente resta sconosciuto per volontà delle parti ma che sicuramente si aggira intorno alla cifra attuale percepita al Dortmund di circa 4 milioni di euro netti a stagione. Inutile il rinnovo di contratto prenatalizio attuato dal club tedesco, l’attaccante sta valutando la maxi offerta cinese. Il Guangzhou Evergrande si è inserito nella trattativa tra la squadra tedesca ed il Beijing, offrendo la cifra di 72 milioni di euro per il cartellino. Dalla Cina quindi l’ultima follia economica del mercato invernale che può strappare l’ennesima stella calcistica dal vecchio continente per rendere la Super League il centro del mondo. Con questo acquisto, il prossimo tecnico Fabio Cannavaro potrebbe vantare alla sua corte uno dei bomber più prolifici di questo periodo.

RABBIA BEIJING

Dalle agenzie internazionali si legge la rabbia del Beijing per il comportamento non professionale  del Guangzhou Evergrande, facoltoso club con enormi riserve auree a discapito di altri. La loro entrata improvvisa in trattative di altre società, alzando il prezzo in modo così sproporzionato ed incauto sarebbe il motivo dell’agitazione in casa Beijing. Questo comportamento potrebbe segnare un precedente che metterebbe a rischio la concorrenza sportiva nel calcio cinese.