Joao Mario Inter addio, ma forse è meglio così

joao mario

Joao Mario Inter è un matrimonio che non si farà. Ieri alle ore 18.00 infatti si è chiuso il calciomercato per le società cinesi senza che lo Jiangsu, altro club di proprietà Suning, acquistasse il giocatore. Stretti dalle morse del fairplay finanziario i nerazzurri infatti avrebbero potuto permettersi di ingaggiare il giocatore solo se fosse arrivato in prestito dal club gemello cinese, sperando poi che anche l’Uefa chiudesse un occhio. Joao Mario, messosi in luce nel trionfale Europeo di Francia per il Portogallo, ha infatti una clausula recissoria di 60 milioni con lo Sporting Lisbona, ma l’Inter confidava nel poter avere uno sconto sul giocatore spingendosi fino ad offrire 35 milioni, cifra probabilmente ritenuta non sufficiente dai lusitani.

Joao Mario Inter, meglio così ?

Joao Mario Inter rimarrà un’intenzione ma forse per i nerazzurri non sarà poi un dramma. Il giocatore sicuramente, oltre ad essere giovane visto i 23 anni compiuti a gennaio, è di valore e nell’ultimo Europeo ha dimostrato, oltre ad una discreta tecnica, anche una buona disciplina tattica, elemento indispensdabile per poter far bene nel nostro campionato. Può giocare sia esterno di destra o sinistra a centrocampo in un 4-4-2 oppure alto in un 4-2-3-1 e sicuramente il suo arrivo avrebbe dato a mister Mancini, che ha più di un mal di pancia, parecchie soluzioni in più nel disporre il suo scacchiere tattico. Le perplessità a riguardo di Joao Mario sono altre, a cominciare da prezzo. Il ragazzo è di valore e di prospettiva, ma l’Inter non può pagarlo più di quanto la Juventus abbia speso per Pjanic, sarebbe stata un’assurdità. Se la nuova dirigenza decidesse di spendere una cifra simile lo dovrebbe fare solo per un giocatore di sicuro affidamento. Altro aspetto è quello della necessità. Il Mancio sembrerebbe puntare tutto sul 4-2-3-1 e ha chiesto un esterno destro alto ma al momento in quel ruolo può schierare Brozovic, Biabiany, Eder e all’occorrenza Palacio. Una batteria di nomi non indifferente. Dove i nerazzurri necessitano di un acquisto invece è nel duo di mediana, sarebbe stato perfetto un Kantè che forse si poteva strappare al Chelsea spendendo anche meno di quello messo sul piano per Joao Mario.